Vai al contenuto
Home » Archivio » QUANDO DECIDEMMO DI PRENDERE LA NOSTRA PRIMA BOCCATA D’ARIA DAL SAPORE DI FUTURO: NICOLO’ E VALERIA, DA ROMA AL TRENTINO ALTO-ADIGE

QUANDO DECIDEMMO DI PRENDERE LA NOSTRA PRIMA BOCCATA D’ARIA DAL SAPORE DI FUTURO: NICOLO’ E VALERIA, DA ROMA AL TRENTINO ALTO-ADIGE

Se sognare non costa nulla ed è semplicissimo, per arrivare poi a realizzarli quei sogni serve un ingrediente forte, dal gusto deciso e travolgente: il coraggio.

Quanto di noi, almeno una volta, hanno pensato a quanto potrebbe essere bello dare una nuova tonalità alla propria vita.

E’ proprio quello che hanno pensato, a un certo punto, Nicolò e Valeria. Due ragazzi semplici e genuini che hanno trascorso la loro adolescenza tra le bellezze naturali e storiche dei Castelli Romani, per poi intraprendere la vita lavorativa e proiettare tutti i loro ritmi nella vicinissima Roma.

A un certo punto, però, Nicolò si accorge che quella città dal fascino profondo ed eterno, celava una realtà che era ben distante dai suoi canoni di vita: giornate che scorrevano con un ritmo frenetico, alzarsi tutti i giorni all’alba per raggiungere il posto di lavoro, attraversare il Grande Raccordo Anulare, per poi ritrovarsi a casa soltanto al sera, con una cospicua dose di stress.

Non era la vita che Nicolò voleva. Come mi disse lui: “stava vivendo per lavorare”.

Ed è con la realizzazione di quel pensiero che, insieme alla compagna Valeria, decidono di fare un bel pò di sacrifici e intraprendere un percorso magico che li porterà tra le montagne più belle del mondo.

Ma lasciamo che siano loro a raccontarci questa storia così bella, romantica e portatrice di bel messaggio di rinascita.

  • Carissimi Nicolò e Valeria, intanto grazie infinite per aver accettato il mio invito. Inizio subito con il dire che, voi due, rappresentate il sogno di molte persone e in particolar modo il mio. Parlo, ovviamente, del fatto di abbandonare tutto e trasferirsi nella regione in cui sono presenti le montagne più belle del mondo: il Trentino Alto-Adige. Ma andiamo per ordine, quindi raccontateci di Nico e Valeria.

Ciao Enrico, grazie mille a te per averci contattato e per averci regalato questa bellissima opportunità: raccontare la nostra storia.

Come lo siamo per te, speriamo di essere d’ispirazione anche per molte altre persone!


Noi due ci conosciamo da quando eravamo adolescenti, parliamo del lontano 2018, anno in cui è esploso il nostro amore.

Abbiamo sempre vissuto nelle nostre rispettive città: Valeria a Frascati e Nicolò a Monte Porzio Catone che, come hai già detto tu, sono due paesini immersi tra le bellezze dei Castelli Romani.

Allora eravamo due giovani ragazzi, e in quanto tali: Frequentavamo a scuola, uscivamo con gli amici la sera, andavamo al mare in estate, insomma vivevamo la classica adolescenza romana.

Tutto questo accadeva fino a quando, poi, ci siamo diplomati

  • E poi, cosa è successo? Quando e qual è stato il momento in cui è nata la scintilla che ha poi accesoil vostro sogno?

Premettiamo che Nicolò è più grande di Valeria di tre anni, per cui termina ovviamente prima di lei gli studi delle scuole superiori, e inizia a lavorare.
Quando, poi, anche Valeria si diploma e inizia subito a lavorare a Roma, vive un’esperienza non proprio positiva: si accorse subito che, purtroppo, non stava ottenendo le soddisfazioni che sperava.


Continuiamo, comunque, a rimanere a Roma e, nel frattempo, iniziamo a toglierci qualche piccolo sfizio regalandoci dei piccoli viaggi fino a quando, nell’estate del 2021, decidiamo di andare a trovare il fratello di Nicolò che vive a Conegliano Veneto.

Stiamo a Conegliano una decina di giorni per poi spostarci in Alto Adige, meta che, in quel periodo, era sulla bocca di tutti. Sentivamo spesso nominare queste famosissime Dolomiti.


Una sera, però, si apre per noi quella che fu una sliding doors decisiva: Anche il cugino di Nicolò aveva scelto il Trentino come meta delle sue vacanze, e per la precisione si trovava a Riva del Garda dal cugino di Nicolò.

Quello che però ci aveva incuriosito era una scelta ben precisa del cugino di Nicolò: aveva appena deciso che sarebbe rimasto lì a lavorare per tutto l’anno. Noi rimanemmo affascinati da questa sua decisione.


Così ci rimettiamo subito in viaggio e ci dirigiamo verso il Trentino. Bè, appena arrivati in questa magica regione abbiamo sentito smuoversi qualcosa dentro di noi, che ancora ad oggi, è davvero difficile da spiegare.

La nostra casa vacanza era comunque in Veneto, per cui troniamo lì ma terminammo il soggiorno qualche giorno prima e raggiungemmo l’Alto Adige.

Da quel giorno non siamo più tornati alla nostra vita romana e, oggi, ci rammentiamo a vicenda che è stata la scelta migliore che potessimo fare.


Ricordo ancora le nostre facce non appena arrivati in Val Badia, rimanemmo senza fiato. Una bellezza così non l’avevamo davvero mai vista.

Abbiamo camminato, abbiamo visto laghi, cascate, cime. Abbiamo fatto davvero di tutto in quei 4 giorni.
Da allora, abbiamo capito che qualcosa ci faceva sentire legati a questo posto, e non potevamo di certo fare finta di niente, c’era un legame!
Pensa che da agosto 2021 a febbraio 2022 (mese del trasferimento definitivo) siamo saliti in Trentino Alto Adige almeno 6 volte
!

  • Prima di allora avevate mai pensato di trasferirvi in Trentino Alto-Adige?

Assolutamente no. Ma probabilmente perché eravamo ancora troppo piccoli e aggrappati alla nostra zona di confort insieme ai nostri genitori. C’era la scuola, il post diploma, dove si sa, non si è mai troppo sicuri della strada che si vuole intraprendere per il futuro.


Vivevamo normalmente con le nostre famiglie, le giornate erano tutte uguali, non c’era minimamente il pensiero di un trasferimento, e tanto più di una convivenza a 20 anni

  • Quando parlo con amici e colleghi, di voler abbandonare tutto e raggiungere le Dolomiti, una delle paure che emerge sempre è quella di doversi ambientare a una nuova vita, completamente diversa a quella vissuta fino a oggi. Per quanto riguarda la vostra esperienza, come è stato ambientarsi in una nuova regione?

Se dobbiamo essere sinceri, questa “paura” che tutti percepiscono, noi, non l’abbiamo avuta.
Prima di trasferirci stabilmente qui, venivamo molto frequentemente, e abbiamo sempre puntato a conoscere più gente possibile, perché credeteci, è una cosa che aiuta davvero tanto.


L’aiuto più grande l’abbiamo ricevuto da una famiglia che ci ospitava nel loro B&B quando venivamo per quei 2/3 giorni, tanto che poi ci hanno accolto per un mese intero prima di trovare la nostra casa attuale in Val di Cembra!
All’inizio c’erano loro, poi abbiamo iniziato a lavorare, e siamo stati molto fortunati a trovare persone che ci hanno accolto a braccia aperte, facendoci sentire davvero A CASA!
Per non parlare poi della potenza dei social.

Da quando abbiamo aperto la pagina, abbiamo avuto la fortuna di conoscere ed incontrare altri creator che vivono in Trentino, con cui abbiamo stretto davvero legami unici, condiviso esperienze e soprattutto sono entrati a far parte della nostra quotidianità, come Alyssa e Davide della pagina “Dogomiti”

  • E oggi, invece, di cosa si occupano Nicolò e Valeria?

Nicolò è Geometra con timbro, ha la sua partita IVA e allo stesso tempo lavora come dipendente Full Time per un’azienda di Trento Nord specializzata nelle installazioni di impianti fotovoltaici.

Valeria, invece, grazie al suo diploma in Ragioneria lavora come contabile, anche lei in azienda e anche lei Full Time.

  • Avete creato un profilo Instagram che riscuote molto successo, con oltre 50k followers. Potete quindi essere definiti influencer?

Se parliamo in termini di numeri, noi siamo considerati ancora micro influencer, anche se il termine non ci si addice molto!

In realtà siamo Content creator: ci piace condividere le nostre esperienze senza filtri, e se c’è qualcosa da dire la diciamo!

Nicolò è appassionato dell’editing ormai da 7 anni ed è follemente innamorato dei droni, a dirla tutta è stato proprio lui ad aprire la pagina, iniziando a creare i primi contenuti.

Oggi possiamo dire che, dietro a un singolo video di quaranta secondi, ci sono una collaborazione e un lavoro non indifferente, non ce lo aspettavamo nemmeno noi in realtà!

Oggi siamo letteralmente bombardati da internet, ed è anche grazie a internet se abbiamo tutti riscoperto la bellezza infinita della montagna. Ultimamente, però, si tende a cercare nel mondo dei blogger e degli influencer il capro espiatorio per i comportamenti sbagliati e irresponsabili di alcuni frequentatori della montagna. E’ capitato anche a voi di venire “giudicati” in tal senso?

Per comportamenti sbagliati assunti dal altri in montagna no, però veniamo spesso accusati di fare pubblicità a luoghi già troppo conosciuti o che non conosce nessuno.

Qui il discorso è molto semplice: le persone devono iniziare a capire che il nostro profilo Instagram è come se fosse un diario aperto a tutti, nulla è fatto con malizia o per fare dispetti alle persone del luogo, anzi!

Come detto prima, le nostre esperienze sono senza filtri: se un luogo è troppo sopravvalutato lo diciamo tranquillamente, se un luogo merita di essere visto lo diciamo altrettanto tranquillamente! E’ inutile dare la colpa a noi se un posto poco conosciuto diventa “famoso” quando in realtà dietro ogni singola valle del Trentino e dell’Alto Adige ci sono enti del turismo, che stanziano budget letteralmente fuori di testa, per promuovere il proprio territorio!
P.S Il Trentino grazie al turismo guadagna circa 1,15 miliardi di euro all’anno, l’Alto Adige ne guadagna circa 2,35 miliardi!

Come ho detto prima, siete nella regione con le montagne più belle del mondo. Ci sono dei posti ai quali siete più affezionati rispetto ad altri e che consigliereste a tutti noi mountainlovers?

Ovvio che sì!

Noi siamo follemente innamorati dei paesaggi della Val Pusteria, ma per le escursioni siamo super fan della Val di Funes. Qui le Odle con la loro bellezza maestosa e i boschi che atmosfere da fiaba, ci hanno sempre regalato emozioni indescrivibili.

E’ difficile da spiegare, ma è come se li ci fosse un portale magico, ci entri e non vorresti più tornare indietro

  • Le Dolomiti racchiudono località ricche di magia e di natura incontaminata. C’è stato, da quando vi siete trasferiti, un momento in cui avete vissuto un’esperienza indimenticabile?

Più che esperienza è l’emozione provata in un determinato momento. Non ci sono parole per descriverla, dovete vederla con i vostri occhi e magari accompagnarla con una bella escursione gratificante. Stiamo parlando dell’Enrosardira sulle Pale di San Martino!

  • Altri sogni e progetti per il futuro?

Questo è più uno spoiler in realtà!

Come detto anche prima, siamo innamorati del paesaggio della Val Pusteria, il nostro sogno e progetto futuro è quello di riuscire a prendere un edificio da ristrutturare proprio li, realizzando 3 mini appartamenti con al piano terra la nostra casa.

Il nostro intento è quello di organizzare dei week-end offrendo alle persone un’esperienza a 360 gradi con noi. Si tratterebbe di periodi di 2-3 giorni, in cui cucineremo mangeremo e ci rilasseremo insieme, con ovviamente bellissime escursioni da fare!

Non il classico soggiorno, bensì un fine settimana in amicizia e alla scoperta di luoghi meravigliosi con ricordi indelebili

Cari Nicolò e Valeria, siamo giunti al termine di questa bellissima chiacchierata.

Intanto di auguro con tutto il cuore di realizzare questo meraviglioso sogno, e poi vi ringrazio infinitamente per il tempo che mi avete dedicato.

Spero di incontrarvi quando sarò tra le nostre amate Dolomiti.

Enrico

ARTICOLI SIMILI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

it_ITItalian